venerdì 17 luglio 2009

Maestro Vittorio Bottazzi


















Giovedì 16 luglio 2009 attorno alle ore 20, il maestro Vittorio Bottazzi di Torino ha lasciato il corpo.

Vittorio ha dedicato la sua vita alla ricerca della filosofia e delle pratica delle arti marziali interne cinesi. E' stato un pioniere del Taijiquan a Torino e in Piemonte in un'epoca in cui il questa arte non era riconosciuta come lo è oggi, ma soprattutto ha diffuso la visione orientale del Nei Jia nei suoi apprezzati corsi, con grande attenzione a farne sempre cogliere gli aspetti profondi e vitali della pratica.

Vittorio ha mantenuto intatto il suo spirito di ricerca negli anni, andando a ricercare in Cina le radici del Nei Jia. Infatti, dopo anni di formazione al Taijiquan e di prolifico insegnamento, il maestro Bottazzi è partito per gli angoli più remoti della Cina alla ricerca del Taijiquan antico del villaggio Chen, del Baguazhang "di sintesi" di Zhao Daoxin, dell'Yiquan da combattimento più vicino alle fonti. Per primo ha invitato in Italia il figlio maggiore del famoso maestro Yao Zhongsun di Yiquan.

Con Vittorio ci eravamo conosciuti anni fa durante un seminario di Yiquan, e nel 2008 abbiamo organizzato un seminario di Baguazhang a Torino. E' stato un evento ricco di incontri e di scambi, di confronti e di arricchimento personale. Là ho conosciuto Vittorio e Cristina in modo più vicino e sostanziale, come anche nella loro successiva visita a Vicenza nell'autunno 2008. Lasciano un grande segno nella memoria la sua grande cultura, la sua labirintica ricerca di informazioni, la sua grande videoteca, il suo approccio alla pratica fatta - come nella migliore tradizione - di "provando e riprovando" di galileiana memoria.

Ricercatore instancabile, riservato e schivo, lontano dalla ribalta mediatica e informatica, ma allo stesso tempo temperamento vulcanico e organizzatore sempre in movimento, Vittorio ha lasciato una impronta profonda e importante, perchè è stato il "principio attivatore" di migliaia di praticanti, dei suoi allievi e degli amici e compagni di pratica. Lo ricordo con il suo sorriso sornione, gli occhi a fessura che ti guardano di sbieco, le mani eleganti sempre in movimento e la sua voce levigata.

Siamo vicini a Cristina.

Per tutti coloro che desiderano essere vicini alla famiglia e agli amici, le esequie si terranno domani mattina, sabato 18 luglio 2009, alle ore 11.30 nella chiesa di San Secondo in via San Secondo a Torino, poco lontano da dove Vittorio viveva.

(Nella foto - purtroppo l'unica e neanche di qualità - Vittorio Bottazzi a marzo 2008 durante il seminario di Baguazhang)

27 commenti:

Lino Perlongo ha detto...

Sentita vicinanza anche da parte mia. Lino Perlongo

tt ha detto...

Vittorio è Maestro nella sua ricerca e nella condivisione dei suoi raggiungimenti ed è anche uomo alla ricerca dell'Uomo. Ciò lo rende il Fratello dei tanti con i quali ha condiviso percorsi i più diversi per rispondere al suo bisogno di crescita, di comprensione, di miglioramento di sè, di servizio e armonia. L'energia disordinata, ma sempre viva e pulsante, dei suoi 19 anni (è da allora che Vittorio è nel mio cuore) si è raffinata via via per condurlo alla consapevolezza del suo essere e porlo in quella attitudine che ne ha fatto il Maestro di molti. Una vita piena e un essere umano degno d'essere Uomo. Così Vittorio vive in me e nel cuore dei molti con i quali ha condiviso la sua vita.

Anonimo ha detto...

Risuonano ancora la sua voce e la sua risata; il suo sarcasmo e la sua ironia. La sua calda e avvolgente amicizia è viva e fa parte di tutti noi, di tutti coloro che lo hanno conosciuto e hanno condiviso momenti di crescita personale e di gruppo.
Franca

Luigi ha detto...

Onestamente faccio ancora fatica a crederci. Luigi

Anonimo ha detto...

Scopro ora con sorpresa la tragica notizia,personalmente non ho mai avuto l' occasione ed il piacere di conoscerlo,ma da come viene ricordato e descritto sicuramente era una persona notevole..che dire..a tutti quelli che l'hanno conosciuto e con lui praticato : quello che ha trasmesso e lasciato metta radici e cresca come un albero forte in una foresta.Alla famiglia e a chi gli era vicino sentite condoglianze e che il suo ricordo ed esempio , i suoi sentimenti,le cose belle che ha fatto siano di conforto a voi tutti.

Anonimo ha detto...

CARISSIMI,
PER CHI LO HA CONOSCIUTO, PER CHI LO HA APPREZZATO, PER CIO' CHE HA RAPPRESENTATO DAL PUNTO DI VISTA TECNICO MA, SOPRATUTTO, UMANO ED AFFETTIVO, E'UNA PERDITA GRAVISSIMA, UN DOLORE DIFFICILMENTE ELABORABILE.
IL MAESTRO VITTORIO BOTTAZZI E' MORTO NELLA SUA CASA DI TORINO IL 16 LUGLIO 2009, AL CREPUSCOLO, DOPO AVER COMBATTUTO UNA BATTAGLIA DIFFICILISSIMA CONTRO IL MALE CHE LO AVEVA COLPITO.
VITTORIO HA PERSO LA SUA BATTAGLIA MA LASCIA UN RICORDO INDELEBILE IN TUTTI I SUOI ALLIEVI ED IN CHI LO HA CONOSCIUTO.
ERMANNO BALDI ED IO, CON VITTORIO AVEVAMO CONDIVISO L'ESALTANTE,PLURIENNALE E, PER CERTI VERSI CONTRADDITTORIA, IMMERSIONE NEL MONDO DELLE ARTI MARZIALI VIETNAMITE. OGNUNO POI AVEVA FATTO LE SUE SCELTE, CON LA CONSAPEVOLEZZA, PERO', DI AVERE COMUNQUE PRATICATO, SOTTO LA GUIDA DEL MAESTRO NGUYEN THIEN CHIN, UNO DEGLI STILI ESTERNI PIU' COMPLETI E SPETTACOLARI.IL DESTINO HA POI RIUNITO ERMANNO E ME, QUESTA VOLTA SOTTO LA GUIDA DI VITTORIO.
INSIEME A TUTTI I SUOI ALLIEVI, LO ABBIAMO SEGUITO FINO ALLA FINE, FINO AL MOMENTO IN CUI HA DECISO DI RACCOGLIERE LE FORZE PER RESISTERE ALL'ATTACCO FINALE DEL TUMORE AL PANCREAS CHE GLI ERA STATO DIAGNOSTICATO NEI PRIMI MESI DELL'ANNO.
PERSONALMENTE VIVO UN MOMENTO DI GRANDE TRISTEZZA, EPILOGO DI UN PERIODO CARATTERIZZATO DA UN LACERANTE SENSO DI IMPOTENZA E DI INADEGUATEZZA.
ROSARIO FONTANELLA, ALLIEVO DI VITTORIO BOTTAZZI.

Luigi ha detto...

Ciao Rosario, grazie per il tuo bel commento. E' evidente dai vostri interventi - se mai ce ne fosse stato bisogno - che Vittorio ha lasciato una importante eredità tecnica ed affettiva. Un saluto

tiziana corsini ha detto...

Ho iniziato a praticare con Vittorio esattamente 10 anni fa e non ho mai piu' smesso..Qi Gong,poi Yiquan,Taiji e per finire Ba Gua. Vittorio era contagioso,sentivi di perderti qualcosa di importante se rinunciavi a qualche sua lezione o seminario...anche in serate goderecce portava un valore aggiunto con i suoi racconti,gli aneddoti,la sua leggerezza
Mi considero una persona fortunata per aver potuto attingere ai suoi preziosi insegnamenti,non finiva mai di stupire.Ci ha omogeneizzato la pratica,ha cercato in tutti i modi di farci entrare anche nei piu' piccoli dettagli,ma non parlando solo di tecnica ma anche di sentimenti e emozioni legate al gesto.
Ora sento e condivido con molti praticanti l'esigenza di far vivere Vittorio attraverso la pratica.
Cristina,gia' ieri sera,ci ha fatto un bel regalo e ha riempito un po' quel senso di vuoto e proprio lei, ha dato un po' di ossigeno per cogliere questa opportunita'a continuare. E' un fenomeno,e' forte e propositiva ...dunque non ci resta che rimboccarci le maniche e con il suo aiuto,quello di Carola Ermanno Maurizio e chissa'ancora,onorare quel patrimonio inestimabile che Vittorio ci ha lasciato cercando come ci ha insegnato la forza nella leggerezza

max ha detto...

io volevo bene a vittorio...

non riesco ad aggiungere molto vi rimando al saluto più bello che ho visto il giorno del suo funerale..

volevo molto bene a vittorio.

ho scritto anche queste due riche che potete trovare sul link a video.

ora che chiudere gli occhi
non serve più a non vedere
le forbici della mia testa
hanno tagliato le bende

ora che i miei sogni
hanno smesso di lavorare
e mi hanno lasciato qui per terra nudo
senza neanche un lenzuolo

ho bisogno di trovare
le finestre di questa stanza
a costo di doverle disegnare
a costo di dover grattare i muri
con le mani

ora che il mio senno
ha capito che non ci sono più perché
e mi ha lasciato senza salvagente
in questo oceano chiamato vita

la stessa che mi ha masticato e sputato
ma mai digerito
al limite smarrito
e mai accompagnato
in nessuna direzione

ora che conosco il dolore
e mi ci immergo come in una vasca
di acido e brucia piano la mia pelle
senza mai avere fine

continuo a cercare di dipingere
le finestre e non riesco a trovare
i colori adatti
non riesco più ad uscire

so che nonostante tutto
tu mi ascolti e sai che sono
non sappiamo cosa, ma sai che sono
e sei accanto al mio vuoto
fatto di parole
la tua stanza ora è la più stretta
e non hai più nessun colore
le finestre sono un ricordo
e le pareti si fanno più vicine

una cosa vorrei fare
è starti solo vicino
ma so che in due in quella stanza
staremmo solo più male

vorrei dipingere finestre
vorrei togliere il dolore
o anche solo avere la presunzione
di farlo alleggerire

ma mi fermo
ora sono maturo
sono un uomo come dice la gente
e non ho perché

ora mi fermo
sono sospeso in questo tempo
di pazzi non sognatori
di uomini reali
e non ho perché

forse lunica cosa che vorrei ora
è starti vicino
lunica cosa che vorrei
è starti vicino

ciao vittorio

max ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=m4xXkcD02EE

maria cristina cornetto ha detto...

Carissimi,
volevo ringraziare Luigi per questo spazio dedicato a Vittorio e al suo modo di intendere la pratica che spero vivamente possa continuare in futuro con le persone che hanno lavorato con lui in questi anni. Cercherò di fare tutto il possibile, a livello organizzativo, affinchè il seme da lui piantato in tante persone con la sua passione e serietà nella pratica possa crescere ed evolvere im modo che ognuno possa trovare il proprio modo di continuare il lavoro.
Durante questi mesi tremendi ed incredibili, seppur abbiamo vissuto praticamente isolati per scelta di Vittorio (cosa che condividevo) sentivamo la discreta presenza e vicinanza di tante persone, amici e allievi, e il loro sostegno a distanza ci ha aiutati ad affrontare questa difficile esperienza. Anche ora la calda amicizia di tante persone mi rende più sopportabile l'insopportabile vuoto che Vittorio ha lasciato in me e nella mia vita.
Lui mi ha lasciato molti doni tra cui la possibiltà di attingere ad una forza che non sapevo di avere. Forse sono stata contagiata dalla sua forza. Durante tutto questo periodo Vittorio ha affrontato la malattia con una forza e una determinazione incredibile anche per me che oramai lo conoscevo piuttosto bene, combattendo fieramente fino alla fine. Sempre con la consapevolezza chiara che poteva anche perdere questa battaglia e preparandosi in ogni istante a questa eventualità. E anche di fronte all'ineluttabilità della morte la sua serenità e leggerezza non è cambiata, anche di fronte alla sofferenza non ha perso la parte più profonda e reale di sè stesso, con molta serietà e determinazione, così come ha sempre affrontato la vita. Voglio ringraziare tutte le persone che hanno scritto su questo blog e le tante persone che mi sono vicine e che mi hanno testimoniato la loro stima e il loro affetto per Vittorio. La sua è stata purtroppo una vita breve, dal nostro punto di vista, ma sicuramente ricca di incotri, di scambi, di una ricerca profonda e intensa in cui ha potuto dedicarsi a ciò che veramente lo interessava di più e io credo che tutto questo, in un modo per noi incoprensibile, si sia conservato anche ora che non può più camminare su questa terra accanto a noi.
Grazie.
Cristina Bottazzi

john ha detto...

Caro Vittorio
la mia parte fisica sente ancora il vuoto che hai lasciato.
E' da quando ho avuto la notizia che continuo a non crederci, ma sono contento di averti conosciuto ed aver avuto la fortuna di ricevere un patrimonio incredibile.
sempre pronto, tutte le volte che finivo le lezioni eri sempre pronto a ringraziarmi per avere partecipato. Ero io che dovevo ringraziare per primo, per me è stato un onore partecipare.
Non ho mai conosciuto una persona così umile e disponibile.
Mentre la mia parte mentale sa perfettamente che sei sempre presente e hai lasciato un seme ad ogni persona che hai conosciuto.

Grazie ancora Vittorio di tutto.
un bacione.

Giovanni

Anonimo ha detto...

Il vuoto e il pieno.
Vittorio ne ha sempre parlato chiedendoci di ricercarlo costantemente nella pratica.
Ebbene il vuoto(fisico) che lui ha lasciato mi ha reso più consapevole del pieno (interiore) che ha seminato.
Grazie Vittorio

Massimo ha detto...

Sono passati quasi 10 anni da quando ho conosciuto Vittorio Bottazzi. Poiché lo ricordo come una persona in perenne ricerca e piena di energia, la notizia della sua scomparsa mi giunge totalmente inaspettata. Vittorio aveva una forte personalità ed era sempre pronto a muoversi verso nuovi territori, ad una velocità che talvolta lasciava interdetti quelli che, come me, si muovono a passo più tardo e lento. Voglio pensare che anche la sua dipartita sia null'altro che un viaggio verso nuovi inesplorati territori.
Un caro saluto a Cristina.
Ciao Vittorio.
Massimo Soldano

Anonimo ha detto...

ho praticato con Vittorio dal 1995 al 1999 e ne ho apprezzato il valore e la consistenza umana. Sicuro di trovarmi davanti ad un maestro. La notizia della sua morte mi ha profondamente amareggiato. Antonio Graziani

Elvira Piazza ha detto...

Alcuni di voi conoscevano Vittorio da 10 anni, chi da un pò meno, altri avevano praticato con lui imparando a capire attraverso la sua arte quello che "il maestro" intendeva attraverso l'arte insegnare, la vita, la compassione, la bontà, la speranza...
Io sono stata una sua amica d'infanzia. Il Karatè ci aveva legati ma avevamo 14 anni io e 13 anni lui...
Eravamo sempre insieme, nei parchi, soprattutto al Parco della Pellerina che sembrava essere diventato la nostra 2° casa.
Eravamo insieme, sabati e domeniche, giorni della settimana, a fare campeggio in montagna, ad ascoltare il suono degli alberi...
Vittorio a 15 anni già mi diceva di sentire attraverso le mani l'energia degli alberi, lui ci parlava, li coccolava...
Vittorio, ricordo bene, fu il primo ad insegnarmi che bisognava amarsi attraverso il buon cibo. Così andavo a casa sua ed invece di offrirmi le patatine lui stendeva un filo di miele sul pane e sopra ci metteva le noci. Erano
eccezionali quegli spuntini fatti con le sue mani, la sua voce serena, dolce, pacata...
Quanto mi sono mancate in seguito le nostre ore di allenamento, le nostre risate, il nostro sentirci felici di poco...di niente.
All'età di 16 anni, poco prima di raggiungere la cintura nera di Karate io fui costretta a partire per Lione. Mi attendeva una lunga terribile prova, un brutto intervento al cuore in extra corporea. Rischiavo di morire. Ma proprio pochi giorni prima della mia partenza andammo al Parco, la nostra 2° casa, e fecimo quello che avrebbe potuto essere il mio ultimo allenamento con lui e Paolo,
l'altro nostro amico...anche lui inseparabile.
Mi consolò. Asciugò le mie lacrime. Mi fece coraggio. E aveva solo 15 anni, ma la forza già del Maestro.
Venni operata e fu terribile. Una delle mie più brutte esperienze. Venni operata e proprio nei momenti più bui vidi un giorno attraversare la porta della mia stanza...Vittorio e Paolo. Avevano fatto tanta, tantissima strada per venire a sedere al mio capezzale.
Non potete immaginare come mi sentii, l'enorme amore che provai per quelle 2 anime, per quegli amici che sentivo essere come miei fratelli.
Non potete immaginare quanto fu importante per me la loro presenza lì. Tornai a casa dopo 2 mesi e fu faticoso tornare alla mia vita normale, ma Vittorio mi disse che sarei riuscita, che il nostro Parco era lì ad aspettarci e dopo 6 mesi ci tornai. Ho delle foto meravigliose che mi ritraggono con lui in quella straordinaria giornata. Io tornai a credere in me stessa e lui, il mio migliore amico, mio fratello, il mio Maestro...mi diede la forza e la convinzione per ricominciare.
La vita come succede spesso ci aveva separati, io sposata con i miei figli, lui "Maestro" e compagno di Cristina che mi spiace non aver potuto conoscere meglio.
Poche occasioni per sentirsi e per rivedersi non hanno però annullato niente di quello che era stato.
Lui si è ammalato ed io non ho potuto neppure per un istante fare quello che lui fece per me. Stargli vicino.
So che fu una sua scelta ma a me è rimasto un rimpianto, quello di non avergli potuto dire quanto lui sia stato importante per me.
Non ho potuto neppure dargli un ultimo saluto. Lo faccio da qui...
Vittorio....sempre nel mio cuore.
Elvira

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Fey ha detto...

Vittorio ed io ci eravamo persi di vista tanti tanti anni fa. Siamo stati per un po' uno nella vita dell'altra, complice il mio fidanzamento con un suo carissimo amico. Poi, come spesso accade, finito il legame sentimentale si perdono anche gli amici acquisiti... ma è con profondo rincrescimento che apprendo stasera la notizia, quasi per caso...

Grazia ha detto...

sempre ogni volta che pratico taiji, ed ogni volta che ti penso ti vedo lì davanti a me. Con un sorriso mi correggi la posizione...ed io con un sorriso mi lascio guidare...grazie vittorio sei stato il mio taiji ininterrottamente dal 1991.
Sei stato il mio migliore amico e confidente abbiamo riso insieme e pianto insieme quando mi hai detto: " addio io vado.." So che sarai sempre nel cuore di chi ti ha amato.
Un grande abbraccio a Cristina che in questi giorni si è laureata con una tesi sul TAIJI QUAN. Grazia Galtarossa

Beppe ha detto...

Non e' bello avere queste notizie da internet....
Le tue lezioni mi sono state molto utili nella mia vita.
Soprattutto ho imparato a "BERE IL TE"
Grazie di tutto
Beppe Quirico

Beatrice ha detto...

Un profondo pensiero anche da una sua amica che lo ha frequentato negli anni di Università. Iscritta a lingue orientali, ci siam frequentati in amicizia perchè mossi da una stessa passione...
Una grande mancanza...
Beatrice

Aplombus ha detto...

Scopro solo oggi nel tentativo di ricontattare Vittorio, la tragica notizia.
Non posso che accodare il mio pensiero a quello di coloro che hanno avuto la fortuna di conoscere questa persona straordinaria; anche per me resta un ricordo indelebile di un uomo che cambiato molte cose nella mia vita.
La forza e la rettitudine di Vittorio possano essere il conforto per la famiglia e gli amici.

Aplombus ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Ciao a tutti, sono passati 38 anni, andavo alle scuole medie con Vittorio, ci allenavamo nella sua cantina, giocavamo ai piccoli Bruce Lee, ascoltavamo i Beatles, avevamo 11 o 12 anni e iniziammo il nostro percorso nelle arti marziali cominciando dal karate in una palestra vicino a Piazza Pitagora. Ci siamo persi di vista e poi ritrovati quando Vittorio inizió Viet Vo Dao. Non vivo in Italia da ormai 18 anni ma ho con me un fantastico ricordo di Vittorio, leggo con infinito piacere parte del sua vita tra le vostre righe e sento in voi la passione e l'amore per le arti marziali che ha saputo trasmettervi e che voi a vostra volta portate dentro di voi e ne fate tesoro a vostro modo. Per favore continuate seguendo il cammino che insieme avete imparato, é una grande lezione di vita che anche io ho scoperto, senza sapere che entrambi seguivamo simili sentieri.
Vittorio sarai sempre nel miei pensieri.
Un forte abbraccio a Cristina e grazie a chi ha creato questo blog. Nicola Viarengo

Alessandro Maeder ha detto...

Conobbi Vittorio negli anni '70 a Marina di Massa, dove passavamo le ferie estive. Diventammo grandi amici, poi ci perdemmo di vista, come spesso succede con le amicizie estive che vivono lontane da te.
Anni fa lo ritrovai telefonicamente, ma poi il destino ci separò di nuovo.
Casualmente nei giorni scorsi mi è capitata sotto mano una sua foto ed ho pensato di cercarlo via web: purtroppo ho scoperto che non è più tra noi e che non potrò più rivederlo...
Lo ricordo con grandissimo affetto e mi fa piacere leggere che ha lasciato una traccia indelebile in molte persone.
Ho messo come immagine del mio profilo una sua foto con i nostri cagnolini e abbraccio tutti quelli che gli hanno voluto bene.

Trinakria ha detto...

Gentili Amici,

solo ieri ho appreso questa tragica notizia incontrando per caso un insegnante di Taiji. Ho praticato arti marziali cinesi per 20 anni e le ho insegnate per 10 (Shaolinquan). Vittorio è stato un incontro sorprendente e chiunque volesse approcciarsi agli stili interni lo indirizzavo da lui perchè - dal mio punto di vista - un insegnante straordinario ed unico. Ci sentivamo ricercatori ed era questo spirito che ci accomunava più di ogni altra cosa. Ricordo una cena a casa sua quando entusiasta mi raccontava di aver -finalmente - capito cosa fosse l'energia interna e me ne dava "dimostrazione". Siamo stati amici e mi dolgo non averlo più frequentato poichè mi sono trasferito da Torino e ho lasciato l'insegnamento per dedicarmi solo alla ricerca... Mi vergogno di aver trascurato chi meritava - invece - altre che alla stima anche l'affetto....
Perdonami Vittorio.

ALESSANDRO CASCIO